La storia

Giulia in camera sua: si sta facendo un selfie, nuda. Il nonno apre la porta: “Giulia, ah, sei tu. Oh, scusa!”
Giulia si copre il seno. “Dovresti bussare, nonno!” Lui si chiude gli occhi con una mano e domanda: “Ma per chi le fai poi queste foto?”
La ragazza, avvolta in un asciugamano, risponde: “Ah, merda. Promettimi di non raccontarlo ai miei”.
Un PC con una foto: Giulia in mutande. “Ho mandato a Romeo una foto di me nuda” dice lei.
Flashback nel “Caffè Amore”. Giulia: “Quando l’ho incontrato, mi sono accorta che è un vero mostro”.
Ora si vede un messaggio Facebook. Giulia fuori campo: “Ha minacciato di caricare la foto su siti porno ...”
“... se non gli mando altre foto del genere” continua Giulia fuori campo. La si vede nuda davanti al portatile.
Fine del flashback. Il nonno guarda dall’altra parte. Giulia: “Ho mandato a questo freak almeno dieci foto, ma non smette mai”.
Il nonno va verso la porta e dice a Giulia, ancora avvolta nell’asciugamano: “Vestiti. Andiamo in polizia”.